DDL Equo Compenso, noi giornalisti precari e freelance diciamo no ai tentativi di dilazionare i tempi di approvazione

Noi giornalisti e coordinamenti regionali dei precari riteniamo inutili e dannosi i tentativi di allungare i tempi di approvazione del disegno di legge sull’equo compenso giornalistico che, insieme alla Carta di Firenze, approvata recentemente, rappresenta una conquista di dignità e di civiltà per migliaia di colleghi che a causa di compensi indegni a fronte di un lavoro attento e scrupoloso ma non sempre agevole, non riescono ad avere né uno stipendio dignitoso né certezze previdenziali.

In virtù del lavoro svolto in questi mesi dai coordinamenti dei precari e dai colleghi vicini alla battaglia contro lo sfruttamento del lavoro precario nelle redazioni italiane, che hanno portato a due risultati storici nell’ambito deontologico e normativo, auspichiamo che ci sia un ripensamento da parte dei membri del Governo e della Commissione Lavoro e che il ddl sull’equo compenso possa essere rapidamente approvato con il testo uscito dalla Camera dei Deputati.

La legge sull’equo compenso giornalistico rappresenta infatti una fondamentale conquista per i precari, i freelance e gli autonomi che ormai contano la stragrande maggioranza dei colleghi che assicurano quotidianamente l’informazione in Italia attraverso quotidiani, agenzie di stampa, web e radio-tv: aver ottenuto, dopo un ampio confronto ed un dibattito che ha portato ad una posizione unitaria e bipartisan, un testo equilibrato che garantisca una stretta correlazione tra i finanziamenti pubblici all’editoria e la giusta retribuzione anche per quei giornalisti che, seppur esterni alle redazioni, ugualmente permettono ogni giorno l’uscita di migliaia di prodotti editoriali.

Dopo l’accordo trovato alla Camera dei Deputati, anche il presidente del Senato, Renato Schifani, riconoscendo l’importanza dell’approvazione del disegno di legge sull’equo compenso giornalistico, ha concesso al testo una corsia preferenziale, assegnandolo alla Commissione Lavoro in sede deliberante.

Da alcuni giorni a questa parte però quello che sembrava un percorso rapido ed agevole, ma soprattutto unanimemente accolto e apprezzato, ha iniziato a sollevare i primi dubbi, a partire dal vice ministro al Welfare Michael Martone, che ha auspicato la possibilità di effettuare maggiori approfondimenti sulla realtà nella quale il provvedimento di legge avrebbe inciso. Il presidente della Commissione Lavoro del Senato, Pasquale Giuliano, ha anche proposto l’ingresso nella commissione di valutazione che verrebbe istituita con la legge di un rappresentante degli editori, dopo che lo stesso presidente della Fieg, in prima lettura, aveva declinato questa possibilità.

Di fronte a questi atti che non esitiamo a definire dilatori, noi giornalisti e coordinamenti dei precari e freelance ricordiamo che il disegno di legge sull’equo compenso va considerato comunque uno strumento tampone, volto a proteggere lavoratori inopinatamente non regolarizzati, malgrado una subordinazione di fatto e che l’articolo 36 della Costituzione prescrive senza mezzi termini che “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.

SottoPRESSione

Rete dei Coordinamenti Regionali dei precari dell’informazione

 

Aderiscono i seguenti coordinamenti regionali:

Cinqueuronetti (Abruzzo)

Coordinamento giornalisti precari della Campania

Free C.C.P. (Emilia Romagna)

Coordinamento Giornalisti precari e freelance del Friuli Venezia Giulia

Errori di stampa (Roma)

Giornalisti precari fiorentini e toscani

Re:fusi (Veneto)

Aderiscono altresì

Commissione Lavoro Autonomo Assostampa Lombardia

Commissione Regionale Lavoro Autonomo del Lazio
Coordinamento Lavoro Autonomo Atipico e Precario dell’Associazione Stampa Romana
Gruppo Riformagiornalisti.it di Associazione Stampa Romana
Pagina Facebook Giornalisti freelance –http://freelance20.ning.com

Gruppo “4euroalpezzo”

Youth Press Italia

Assostampa Friuli Venezia Giulia

 

e, singolarmente, aderiscono anche::

Paola Vescovi, membro della Giunta Esecutiva FNSI

Dario Fidora, coordinatore Commissione lavoro autonomo Assostampa Sicilia

Maria Giovanna Faiella, Giornalista freelance, Commissione Nazionale Contratto Fieg-Fnsi

Antonella Cardone, consigiera nazionale Ordine dei Giornalisti

Martina Zambon, Consigliera Ordine dei Giornalisti del Veneto (delega al lavoro autonomo)

Alessandra Sgarbossa, Consigliera Ordine dei Giornalisti del Veneto

Antonello Antonelli, Consigliere Ordine dei Giornalisti dell’Abruzzo

Laura Viggiano – componente Commissione nazionale lavoro autonomo FNSI e Componente Commissione contratto FNSI

Giovanni Ruotolo, membro Commissione Naz. Lavoro Autonomo FNSI e Direttivo Assostampa Subalpina (Piemonte)

Massimo Marciano, Consigliere d’amministrazione Inpgi e membro del  Comitato amministratore Inpgi 2 – Riformagiornalisti.it

Cristina Visintini – giornalista freelance (Ronchi dei Legionari, Gorizia)
Clelia Delponte – freelance (Pordenone)
Sara Carnelos – giornalista professionista (Pordenone)
Lorenzo Mansutti – giornalista freelance (Udine)
Anna Piazza – giornalista freelance (Gemona del Friuli, Udine)

Michele Formichella – consigliere nazionale Fnsi

Luigi Piscitelli, pubblicista freelance Emilia Romagna

Alessandro Martegani, Consigliere dell’Assostampa del Friuli Venezia Giulia
Carlo Muscatello, presidente Assostampa Fvg
Andrea Pierini, consigliere AssoStampa FVG
Ettore Maria Colombo, membro del Collegio dei Revisori dei Conti dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio.
Erica Culiat (Trieste), collaboratore
Ivana Gherbaz – Trieste – Giornalista freelance

Susanna Bagnoli, freelance e addetta stampa

Gabriele Testi

Giulio Volontè

Alessandra Comazzi

Rosaria Talarico

Stefano Ferri

Antonella Scambia

Giuliana Valcavi, Freelance, Desio (MB)

Monica Soldano, giornalista freelance, Roma.

Stefania Prandi, Milano, Giornalista professionista freelance

Alan Gard, Milano, Giornalista professionista, Rai

Paola Bacchiddu, free lance, Milano

Enrico Veronese

Daniela Cohen

Giulio Gori
Tommaso Galligani
Antonio Passanese
Silvia Ognibene
Valentina Marotta
Michele Bossini
Jacopo Storni
Monia Bracciali
Antonio Pirozzi
Edoardo Semmola
Alessandro Pattume
Leonardo Testai
Luca Di Bonaventura
Gaia Rau
Allegra Salvadori
Alberto Ferrarese
Elena Cinelli
Lisa Baracchi
Ivana Zuliani
Diego Giorgi
Silvia Casagrande
Lorenzo Matteucci
Claudia Banchelli
Sara Frangini
Lorenzo Galli Torrini
Aldo Tani
Sara Landi
Nicoletta Consumi

 Francesco Giovannetti
Rebecca Romoli
Cristian Iozzelli
Leonardo Roselli

Gregorio Moppi
Gerardo Adinolfi
Emiliano Benedetti
Lorenzo Migno
Massimo Pianigiani
Cecilia Chiavistelli
Allegra Salvadori
Maria Vittoria Giannotti
Valentina Buti
Anna Benedetto

Per aderire all’appello e informazioni: giornalistisottopressione@gmail.comhttps://giornalistisottopressione.wordpress.com/

Annunci

2 pensieri su “DDL Equo Compenso, noi giornalisti precari e freelance diciamo no ai tentativi di dilazionare i tempi di approvazione

  1. ciao, segnalo una cosa che mi ha fatto incazzare non poco. Alla mia disponibilità presso una vostra collega di dare disponibilità di militanza spiccia, di aiuto di qualsiasi genere ho ricevuto come risposta un gelido silenzio. La mia impressione ormai acclarata è che non esista solo un problema proprietà-giornalisti e redazioni-collaboratori, ma collaboratori anziani-collaboratori giovani che è apparentemente un residuato feudale. Alla faccia della partecipazione e della orizzontalità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...